UNZIONE DEGLI INFERMI

Dal Catechismo della Chiesa Cattolica n. 1499

«Con la sacra Unzione degli infermi e la preghiera dei presbiteri, tutta la Chiesa raccomanda gli ammalati al Signore sofferente e glorificato, perché alleggerisca le loro pene e li salvi, anzi li esorta a unirsi spontaneamente alla passione e alla morte di Cristo, per contribuire così al bene del popolo di Dio».

 

Indicazioni pratiche per chi desidera ricevere questo sacramento a san Giorgio

Il giorno della festa della Madonna di Lourdes, c’è nel pomeriggio una celebrazione dell’Eucaristia con il Sacramento dell’unzione degli Infermi a quanti lo chiedono. Si chiede, dopo averne avuto notizia attraverso gli avvisi, di comunicare al parroco questo desiderio e questa presenza all’Eucaristia.

Quanti sono ammalati in casa o avessero da subire una operazione o sentono il bisogno della grazia di Dio nel momento della loro sofferenza, chiedano al parroco di poter ricevere questo Sacramento nella loro casa o in chiesa.

L’ammalato che è in ospedale, ha la visita del cappellano  e se non passasse, chieda all’infermiere caposala di voler ricevere la visita e questo sacramento dal cappellano.

 

Per continuare …

Ogni primo venerdì del mese, il parroco va a trovare gli ammalati per portare l’Eucaristia ed anche la Confessione. 

Ci sono anche i Ministri Straordinari della Comunione, incaricati di portare l’Eucaristia, in particolare la domenica, agli ammalati che ne hanno fatto richiesta.

Quanti sono ammalati in casa o all’ospedale e desiderano ricevere il saluto ed il conforto della fede, chiamino senza farsi problemi il parroco, per una visita.